GLI ORDINI DELL’AMORE NELLE COSTELLAZIONI FAMILIARI

//GLI ORDINI DELL’AMORE NELLE COSTELLAZIONI FAMILIARI

GLI ORDINI DELL’AMORE NELLE COSTELLAZIONI FAMILIARI

INTRODUZIONE:
Bert Hellinger, il fondatore del metodo delle costellazioni familiari, attraverso le innumerovoli costellazioni svolte, ha potuto notare che all’interno di un nucleo familiare, affinchè ci sia ordine ed un corretto scorrimento dell’amore, dovevano essere rispettate alcune leggi non scritte, che lui definì ordini dell’amore.

https://i0.wp.com/www.piuchepuoi.it/assets/uploads/2013/08/hellinger-bert1.jpg?resize=220%2C237&ssl=1
Perchè proprio la parola ordini?.

Questa parola non va intesa come l’ordine che qualcuno può intimare ad altri,come ad esempio un militare, ma va intesa nel significato di mettere in ordine qualcosa, solo quando tutti i membri di un sistema familiare hanno il loro posto, e lo rispettano, onorando i ruoli degli altri membri della famiglia, si verificano i presupposti affinchè possa fluire amore ed armonia.

Rispettare il proprio ruolo non fa riferimento solo ad una posizione fisica, ma ad un atteggiamento, ad un sentire interiore che in un linguaggio invisibile viene percepito da tutta la famiglia.

Va specificato che tutto quello che nelle costellazioni familiari viene espresso come didattica, è frutto di un esperienza, nulla viene definito solo attraverso una teoria, ma attraverso dei dati che si sono potuti osservare attraverso la sperimentazione.

IL PRIMO ORDINE DELL’AMORE
https://i0.wp.com/www.cpnc.it/files/133-gruppi.jpeg?w=604
L’UGUALE DIRITTO DI APPARTENENZA
Tutti i membri di un nucleo familiare hanno diritto di essere riconosciuti e accolti, rifiutando ad uno di essi questo diritto, si determina un disordine che come conseguenza andrà a destabilizzare tutto il sistema famiglia.

Alcuni esempi:

Tutti i bambini, abbandonati, inclusi i fratellastri e i fratelli legittimi o illeggittimi, a questo primo gruppo vanno inclusi gli aborti.

Nelle Costellazioni Familiari spesso si evidenzia la necessità di rappresentare e accogliere i patner precedenti dei nostri genitori, li dove la relazione sia stata animicamente importante.

Al sistema famiglia vanno inclusi anche i nonni, senza i loro fratelli, e tutti coloro che hanno contribuito in maniera evidente alla fortuna ed alla sopravvivenza di tutto il nucleo attraverso un sacrificio personale, come ad esempio persone che hanno perso la vita per salvare un membro della nostra famiglia.

Vanno incluse le persone uccise, accidentalmente o no da un membro della nostra famiglia, queste automaticamente vengono incluse nell’inconscio familiare e devoro essere riconosciute.

Il riconoscimento deve avvenire anche nella situazione inversa, nei confronti dell’assassino, questi infatti crea un forte debito emotivo ed energetico, che deve essere visto e riconosciuto.

LE CONSEGUENZE
All’esclusione di un membro appartenente alla famiglia, nasce un movimento inconscio che cerca di reincludere il soggetto espulso.

Questo movimento non va inteso come qualcosa di fisico, ma come un idea, un immaggine, un impulso sottile che lavora in forma psichica non consapevole.

Spesso questo movimento viene preso in carico da un appartenente più giovane del nucleo, anche da qualcuno appartenente alla generazione successiva, che a sua insaputa si prenderà carico della dinamica, riproponendo l’esclusione in termini di sentimenti ed emozioni, che a volte sfociano nel seguire l’esatto destino della persona esclusa, questo processo viene definito inretimento.

Attraverso le Costellazioni Familiari, questi elementi possono essere visti, accolti, elaborati e risolti.

SECONDO ODINE DELL’AMORE
https://i2.wp.com/retos-operaciones-logistica.eae.es/wp-content/uploads/2018/05/organizacion-empresarial-600×428.jpg?resize=328%2C234&ssl=1
Il rispetto del ruolo e della gerarchia.

Qui viene evidenziata l’importanza che ognuno all’interno della famiglia ha un posto ed un ruolo specifico, che compete a lui e a nessun altro.

Il posto ed il ruolo all’interno della famiglia è un diritto di nascita, in altre parole chi nasce prima, e quindi i più grandi hanno una valenza maggiore rispetto a chi nasce dopo, cioè i più piccoli.

Questo vale per i genitori, ma anche per i figli primogeniti, rispetto ai secondo geniti, e così via.

In questo ordine non si evidenzia solo la necessita di un rispetto formale, ma anche di una riconoscenza interiore, che va a definire ruoli, diritti ma anche doveri di ogni singolo soggetto.

Questo non significa che i figli o chi viene dopo non debba essere rispettato e onorato dai più grandi, e ciò non da il diritto ai genitori o a chi viene prima di abusare della prorpia posizione.

Prendendo ad esempio il rapporto genitori figli, nelle costellazioni familiari si è notato che spesso questo ordine viene violato anche per innocenza e amore, considerando sempre i movimenti invisibbili inconsci di una famiglia.

Può accadere che un figlio possa portare dentro di se idee e convinzioni che non deve e che non appartengono a lui.

ALCUNI ESEMPI DI COSTELLAZIONI FAMILIARI
Mi ammalo io al posto tuo
Muoio io al tuo posto
preferisco pagare io questo delitto al posto tuo
Mi faccio carico io di questa colpa e non tu
Vado via io al posto tuo
Anche se per amore e con innocenza, questo movimento non è sano, poichè ognuno deve portare i propri pesi.

Il secondo ordine dell’amore basilare richiede che ognuno di noi nella sua famiglia occupi il suo specifico posto, che appartiene solo a lui.

TERZO ORDINE DELL’AMORE
L’EQUILIBRIO NEL DARE E NEL RICEVERE
Ultimo ma non per importanza qust’ordine regola i rapporti tra genitori e figli e tra partners.

I genitori “danno con amore” e i figli “ricevono con gratitudine”.

Questo nello specifico significa che i genitori dovranno porsi in una posizione di chi è nel dare, e non nel prendere o pretendere.

https://i0.wp.com/www.adolescienza.it/wp-content/uploads/2016/01/genitori-che-giustificano.jpg?resize=282%2C188&ssl=1
Quando parliamo di dare dobbiamo porci con l’attenzione a qualcosa che va al di là delle sole cose materiali, ma anche e sopratutto a quelle che sono i movimenti spesso invisibili, come l’attenzione, l’ascolto e sopratutto l’amore.

I figli dovrebbero non pretendere dai genitori, specialmente quello che per loro è impossibile dare, questo genera un atteggiamento che è possibile definire infantile e poco maturo.

Devono anche essere grati e riconoscere quello che gli è stado dato, come ad esempio il dono più grande fra tutti, quello della vita.

Alcuni esempi

ALCUNI ESEMPI DI COSTELLAZIONI FAMILIARI FRA GENITORI E FIGLI:
Io ti ho dato la vita, tu devi fare quello che io dico.
Io sono tuo figlio e pretendo
Tu devi ripagarmi per la vita che ti ho dato
Io non dò perchè non ho ricevuto
Tu appartieni a me
Devi restare qui
Tra i partners vige l’uguaglianza ed entrambi danno e ricevono per il piacere di farlo, solo così una relazione potrà definirsi appagante.

https://professionepsicologonapoli.files.wordpress.com/2014/10/immagine6.jpg?resize=238%2C238
Nelle decisioni importanti la partecipazione deve essere al 50%, il coinvolgimento deve essere in equilibrio, facendo decidere alla coppia e non al singolo, che si addosserà su di se tutta la responsabilità della scelta escludendo l’altro.

Alcuni esempi importanti possono essere gli aborti, spesso in queste situazioni viene eroneamente fatto decidere solo alla madre non considerando l’equilibrio della coppia, , generando così un esclusione dell’uomo e un senso di colpa eccessivo nella donna.

Altri esempi possono essere prendersi la responsabilità della morte di un figlio, o di tutte le decisioni importanti che appartengono al nucleo familiare, come l’acquisto di una casa, o un grande investimento economico che coinvolge in modo considerevole la famiglia.

2018-12-29T09:30:45+00:00Dicembre 29th, 2018|Costellazioni familiari|